Abruzzo “Regione verde d’Europa” – Introduzione

DSC00920

Peculiarità del territorio abruzzese è la sua enorme varietà geomorfologica. Nel giro di poche decine di chilometri si passa dalle montagne (le tre vette più alte dell’Appennino) al mare con tutta una gradualità collinare non meno caratteristica e varia. Inoltre il suolo si presenta roccioso con calcari e pareti a tratti simili alle montagne dolomitiche (Gran Sasso) o con rocce impermeabili e torrenti che vi scivolano in superficie (Laga), o infine con dolci pendii di origine carsica con rivoli d’acqua che vengono assorbiti dalla montagna e poi restituiti a valle (Majella), o valloni stretti e profondi canyon scavati nella roccia (soprattutto nel versante orientale della Majella). Tutto questo genera una estrema varietà dei climi (detti “microclimi”) che è una delle maggiori cause della straordinaria biodiversità di questa regione. Estremamente varie sono, quindi, le forme della vegetazione e le specie animali che popolano queste terre, variando ad esempio dai pini mughi – antichi relitti dell’era glaciale – alle palme e alle specie tipicamente “mediterranee” del litorale, dall’orso di montagna ai delfini della costa. Oltre alla flora e alla fauna, molto affascinanti risultano pure i paesaggi che, dalla spiaggia all’alta montagna, variano notevolmente dal genere mediterraneo fino a quello alpino nel giro di breve spazio.
Tutto questo si traduce in ricchezza di paesaggi e mete turistiche: un giorno si può andare al mare e il giorno dopo scegliere l’alta montagna (v. il Calderone, l’unico ghiacciaio dell’Appennino e il più meridionale d’Europa), andare in un rigoglioso bosco o sugli aridi e “lunari” paesaggi dell’altopiano di Campo Imperatore o degli Altopiani Maggiori, osservare i mille rivoli di torrenti e cascate della Laga o i brulli pascoli pietrosi della montagna drenata della Majella, dai ripidi canyon carsici ai dolci pendii collinari. Nello stesso giorno si può incontrare la vegetazione mediterranea fatta di olivi e ginestre della zona costiera per poi passare alle faggete e ai pini, dai borghi in pietra alle case in mattoni della zona argillosa Aprutina o ancora al quelle in neo-travertino dell’Alta Valle del Pescara, dalle popolazioni aspre e chiuse della montagna  (“I taciturni dalle spalle quadre” di Dannunziana memoria) a quelle più aperte e “moderne” della costa. Il tutto in un gustoso “crogiolo” dalle mille sfaccettature!
Tre Parchi Nazionali: lo storico Parco d’Abruzzo, quelli del Gran Sasso-Laga e della Majella-Morrone istituiti di recente; un Parco regionale, il Sirente-Velino, oltre 34 riserve e oasi naturalistiche, tutto questo fa dell’Abruzzo la Regione dei Parchi, con circa il 36% del proprio territorio sottoposto a tutela. In questa varietà dí ambienti di infinita bellezza vive, protetta, una serie innumerevole di endemismi floristici, propri della regione, come la genziana della Majella, il ranuncolo della Marsica, l’androsace abruzzese, il ranuncolo magellense, la soldanella della Majella, l’aquilegia della Majella, il garofano della Marsica, oltre a elementi faunistici preziosissimi come il camoscio d’Abruzzo, l’orso bruno marsicano, il lupo, l’aquila reale, la lontra e il picchio dorsobianco.

Negli articoli che seguono non vengono volontariamente riportati gli itinerari estremi o comunque molto impegnativi, adatti ad escursionisti esperti, che sicuramente sono già attrezzati ed informati sul da farsi. Si riportano soltanto alcune delle innumerevoli possibilità di passeggiate ed escursioni naturalistiche, privilegiando quegli itinerari che evidenziano l’enorme biodiversità di flora e fauna e la varietà dei paesaggi. Ogni itinerario, di volta in volta, potrà essere arricchito in base alla stagione e alle personali attitudini e curiosità.

Tutte queste informazioni vengono riprese, ampliate e fornite di indicazioni stradali nel Vademecum che mettiamo a disposizione dei nostri ospiti dell’agriturismo, insieme a tanto altro materiale, a seconda degli interessi personali.

Per ulteriori approfondimenti potete visitare i seguenti siti:

Parco Nazionale della Majella – Morrone
Parco Nazionale del Gran Sasso

Parco Regionale Sirente – Velino

Parco Nazionale d’Abruzzo

Riserve ed Aree Protette

e ancora Parks.itWinter Season

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Dati Aziendali - domicilio fiscale : cda. Madonna degli Angeli, 13 65028 Tocco da Casauria (PE)
Partita IVA e cod. fiscale: 01438740688 - Leggi la privacy | Cookie Policy

Creative Commons License
Agriturismo Madonna degli Angeli by Lorenzo de Pompeis is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported License.